The Weather Underground (2002) iTALiAN Subbed DVDRiP

The Weather Underground

The Weather Underground

Sam Green, Bill Siegel, USA, 2003, 93′

 

Nel 1969 i “giorni della rabbia” sconvolgono letteralmente la città di Chicago; il riot urbano organizzato esce dai ghetti per esplodere nelle strade americane. Oltre 400 tra ragazzi e ragazze, provenienti dai campus universitari, con mazze e caschi da football, marciano in uno dei quartieri di Chicago colpendo macchine e rompendo vetrine e negozi. Una vera e propria guerriglia che li vedrà anche coinvolti in violenti corpo a corpo con la polizia e che terminerà con numerosi arresti e feriti.
E’ la prima apparizione pubblica dei Weather Underground; un gruppo di giovani bianchi, attivisti provenienti dal movimento studentesco degli Sds – Students for a Democratic Society -. Sono gli anni delle violente rivolte dei ghetti, gli anni dei Black Panter Party, ma sono soprattutto gli anni della feroce guerra in Vietnam. “I giorni della rabbia”, sono il primo tentativo degli Weather di forzare il movimento pacifista a realizzare il passaggio, finora solo teorizzato, dalla non violenza alla lotta armata rivoluzionaria. Le prime parole d’ordine a guidare le loro azioni: “Portare la pace in Vietnam e la guerra in casa”.
E’ il momento giusto per cambiare rotta, la rivoluzione è dietro l’angolo e bisogna agire qui e ora; “non c’è bisogno di un meteorologo – weathermen – per capire da quale parte sta soffiando il vento”, recita così “Subterranean Homesick Blues” la canzone di Bob Dylan da cui prendono il loro nome.

Il documento collettivo Prairie Fire, ristampato in italiano lo scorso anno dalla libreria Calusca di Milano, rappresenta il tentativo esplicito di aprire un dibattito interno al movimento che andasse proprio in questa direzione. Gli Weathermen sono probabilmente, l’unico gruppo a ricercare e a teorizzare un legame tra lotta armata e rivoluzione culturale. Sono cresciuti nelle comuni, sperimentano droghe vecchie e nuove, nuovi modi di vivere la sessualità e le relazioni e vedono la controcultura giovanile come uno dei motori trainanti della rivoluzione in arrivo. «Il fucile e l’erba sono uniti. I freaks sono rivoluzionari e i rivoluzionari sono freaks», proclama infatti uno dei loro primi e, forse più famosi comunicati. Così come una delle azioni più eclatanti è l’evasione dal carcere di Timothy Leary, “guida spirituale” dell’LSD. Nonostante questa costante ricerca di continuità e nonostante la simpatia che si accaparrano tra gran parte dei giovani grazie alle loro azioni spettacolari, anche gli Weathermen finiscono per restare vittime della repressione e della fine del sogno degli anni settanta, tanto che nei primi ’80, decidono di sciogliersi e di concludere la loro storia. Pochi di loro saranno, in realtà, arrestati molti spariranno tra le pieghe della quotidianità americana.

Una storia immediatamente nascosta ma che i registi Sam Green e Bill Siegel riescono a ben narrare nel lungometraggio The Weather Underground. Immagini di repertorio, fotografie, documenti dell’Fbi e recenti videointerviste ai protagonisti di quegli anni, ricreano la tensione ideale che ha portato alla loro nascita, crescita e declino e tracciano il contesto che li ha visti protagonisti. La ribellione che ha attraversato e sconvolto l’America degli anni 70, il movimento studentesco e le Black Panter, sono al centro del contesto in cui si muovono degli Weathermen che, ribadendo le loro scelte, non cercano sicuramente di nascondere dubbi ed incertezze. Realizzato nel 2002, il documentario è stato premiato al Sundance Film Festival, al Seattle International Film Festival e al San Francisco Documentary Festival, nonché candidato al premio Oscar all’Accademy Awards, The Weather Underground. Una vera e propria chicca che, presentata in Italia nel 2004 a Roma, durante la terza edizione del Tekfestival

 

Download

http://ul.to/folder/7ky64p

The Weather Underground (2002) iTALiAN Subbed DVDRiP was last modified: novembre 24th, 2014 by glianni70.it

Post correlati

Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.