Tesi e proposte del Gruppo Gramsci, Quaderni di Rassegna comunista n. 2

lotte operaie organizzazioneTesi e proposte del Gruppo Gramsci, Quaderni di Rassegna comunista n. 2, Lotte operaie, organizzazione dell’autonomia e problema del partito, Rassegna comunista, Milano 1973

II confronto con la realta, con gli altri che vivono con noi in questsa realta; il rifuggtire il dogma che fossilizza il pensiero e imprigiona I’azione; il coraggio quindi di distruggere i miti e di essere nella storia così come si sviluppa, parte viva nella storia, non demiurghi che risolvono con benedizioni o formule. Quesfo e lo sforzo che si intende fare come gruppo Gramsci. Ma gia dire come gruppo Gramsci ci sembra limitativo – e in parte contradditorio -. II gruppo c’è, esiste solo nei confronti del movimento, solo se la sua esistenza può portare un aiuto alla creazione della testa operaia, all’organizzazione di ciò che gia c’è e vive nel movimento e nella classe. Le masse – coscientemente o no – sono piu avanti di noi. Da qui occorre partire sia con l’attività «politica» che nel leggere queste pagine. Ma guai se ciò venisse interpretato come accettazione del ruolo pigro di chi si mette alla coda delle masse a «contemplarne le terga». Vuol dire invece coscienza dei limiti del proprio ruolo, necessità di capire la realtà che viviamo, di sistema-tizzare ciò che ci sembra di aver compreso andando, per dirla con Mao, « alla scuola delle masse ». E allora ci sembra utile e necessario portare a conoscenza del più largo numero possibile di militanti, di compagni operai dentro e fuori le organizzazioni dei gruppi politici, quanto dalla riflessione teorica su una esperienza compiuta, da una discussione e da un confronto all’interno di questa esperienza ci sembra sia emerso…

Tesi e proposte del Gruppo Gramsci, Quaderni di Rassegna comunista n. 2 was last modified: dicembre 19th, 2014 by glianni70.it

Post correlati

Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.