Storia di un impiegato (Fondazione Cipriani) THcinema

 storia di un impiegatoStoria di un impiegato (Fondazione Cipriani) THcinema

E’ dalla fine di settembre che mi è arrivato a casa un DVD con un mittente sconosciuto (Valerio D. G.). Confesso che ho preso delle precauzioni nell’aprirlo. Poi tutto si è chiarito con una serie di mail successivamente pervenutemi.
Il DVD racconta la “Storia di un impiegato” e tratta in modo intenso alcune pagine della breve vita di una persona eccellente, Luigi Cipriani, che da operaio ed impiegato (faceva uno dei mestieri più odiosi ed odiati, il “tempista”, colui che misurava i tempi di lavoro degli operai) passò a diventare leader amato e stimato, militante di Avanguardia Operaia e poi parlamentare di Democrazia Proletaria. E, nell’intermezzo, con la sua mole impressionante (un vero gigante buono) era giocatore di Rugby della nazionale.
Nel rivedere alcune scende del film, sono ritornato a tempi che ormai sembrano remoti. Ho rivissuto dei momenti della storia d’Italia che hanno segnato profondamente il Paese e chi li ha vissuti.
Cipriani, che nasce nel 1940, nel suo percorso limpido ed integerrimo, è all’interno dei momenti più drammatici e per certi versi esaltanti della vita del Paese. Il DVD descrive il dibattito che si viveva in fabbrica, l’intersezione con il 1968, ricrea il clima che ben conosce chi ha vissuto quegli anni dal di dentro delle lotte. Poche immagini ricordano fatti che gli sciocchini alla Berselli non capiranno mai. Come non capiranno tutti coloro che sanno solo discutere in salotti damascati ma sempre ben sazi, per carità! Il 1968 ha interrotto un periodo felice dice lo sciocchino. Certo lo era per lui. E per quelli dalle belle braghe bianche. E naturalmente si ritaglia e butta via di nuovo il mondo degli ultimi, di quelli senza voce, degli operai che lavorano duramente in fabbrica per pagare una sovrastruttura come lo stipendio pesante di Berselli. A che serve ricordare le condizioni bestiali di lavoro ? L’autoritarismo, la celere, i divieti, la repressione, … E cosa accadeva fuori, in Grecia, in Viet Nam ?
Beh, vedevo il film-documento e la mia mente tornava a quegli anni a quelle lotte che Cipriani ha incarnato in modo esemplare fino alla sua prematura scomparsa 15 anni fa.
Bella l’iniziativa di ricordarlo. Per quello che anche a me ha dato, Cipriani meritava questo ricordo che dovrebbe servire da confronto con tanti vermi inutili che circolano oggi essendosi alimentati con quelle lotte che ora rinnegano.

Per quel che riguarda la reperibilità del DVD, fornisco gli indirizzi che compaiono nella sua copertina:
thcinema@libero.it
www.fondazionecipriani.it
Non so altro. Consiglio comunque questo DVD a chi ama la memoria. Lascino perdere i vermi e gli sciocchini di cui sopra, in un momento di sincerità con se stessi, potrebbero suicidarsi.

Articolo di Roberto Renzetti

Storia di un impiegato (Fondazione Cipriani) THcinema was last modified: dicembre 8th, 2014 by glianni70.it

Post correlati

Bookmark the permalink.

Vecchi commenti

  1. Pingback:Storia di un impiegato (Fondazione Cipriani) TH...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.