Proposta di legge Cannabis Legale – intergruppo parlamentare

Proposta di legge Cannabis Legale – intergruppo parlamentare

legalize itIl possesso

Si stabilisce il principio della detenzione lecita di una certa quantità di cannabis per uso ricreativo – 5 grammi innalzabili a 15 grammi in privato domicilio – non sottoposta ad alcuna autorizzazione, né ad alcuna comunicazione a enti o autorità pubbliche. Rimane comunque illecito e punibile il piccolo spaccio di cannabis, anche per quantità inferiori ai 5 grammi. È inoltre consentita la detenzione di cannabis per uso terapeutico entro i limiti contenuti nella prescrizione medica, anche al di sopra dei limiti previsti per l’uso ricreativo.

L’autocoltivazione

È possibile coltivare piante di cannabis, fino a un massimo di 5 di sesso femminile, in forma sia individuale, che associata. È altresì consentita la detenzione del prodotto ottenuto dalle piante coltivate. Per la coltivazione personale è sufficiente inviare una comunicazione all’Ufficio regionale dei Monopoli competente per territorio e non è necessaria alcuna autorizzazione. I dati trasmessi sono inseriti tra i “dati sensibili” del Codice Privacy (opinioni politiche, tendenze sessuali, stato di salute…), e non possono essere né acquisiti, né diffusi per finalità diverse da quelle previste dalla procedura di comunicazione.

I cannabis social club

Per la coltivazione in forma associata, è necessario costituire una associazione senza fini di lucro, sul modello dei cannabis social club spagnoli, cui possono associarsi solo persone maggiorenni e residenti in Italia, in numero non superiore a cinquanta. Ciascun cannabis social club può coltivare fino a 5 piante di cannabis per ogni associato. È possibile iniziare a coltivare decorsi trenta giorni dall’invio della comunicazione all’Ufficio regionale dei Monopoli competente per territorio. Anche in questo caso le comunicazioni sono protette dalle norme previste per i “dati sensibili” dal Codice Privacy.

La vendita

È istituito il regime di monopolio per la coltivazione delle piante di cannabis, la preparazione dei prodotti da essa derivati e la loro vendita al dettaglio. Per queste attività sono autorizzati dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli anche soggetti privati. Sono escluse esplicitamente dal regime di monopolio la coltivazione in forma personale e associata della cannabis, la coltivazione per la produzione di farmaci, nonché la coltivazione della canapa esclusivamente per la produzione di fibre o per altri usi industriali. Per le attività soggette a monopolio sono previsti principi (tracciabilità del processo produttivo, divieto di importazione e esportazione di piante di cannabis e prodotti derivati, autorizzazione per la vendita al dettaglio solo in esercizi dedicati esclusivamente a tale attività, vigilanza del Ministero della salute sulle tipologie e le caratteristiche dei prodotti ammessi in commercio e sulle modalità di confezionamento, ecc. ecc.), la cui attuazione è delegata a tre decreti ministeriali. La violazione delle norme del monopolio comporta, in ogni caso, l’applicazione delle norme di contrasto alla produzione e al traffico illecito di droga.

Per curarsi meglio

Sono previste norme per semplificare la modalità di individuazione delle aree per la coltivazione di cannabis destinata a preparazioni medicinali e delle aziende farmaceutiche autorizzate a produrle, in modo da soddisfare il fabbisogno nazionale. Sono inoltre semplificate le modalità di consegna, prescrizione e dispensazione dei farmaci contenenti cannabis. L’obiettivo è quello di migliorare una situazione, come quella attuale, in cui il diritto a curarsi con i derivati della cannabis è formalmente previsto, ma sostanzialmente impedito da vincoli burocratici, sia per l’approvvigionamento delle materie prime per la produzione nazionale, sia per la concreta messa a disposizione dei preparati per i malati.

Fuori, no!

Si stabilisce un principio generale di divieto di fumo di marijuana e hashish in luoghi pubblici, aperti al pubblico e negli ambienti di lavoro, pubblici e privati. Sarà possibile fumare solo in spazi privati, sia al chiuso, che all’aperto.

Se fumi, non guidi

Come per l’alcol, la legalizzazione della cannabis non comporta l’attenuazione delle norme e delle sanzioni previste dal Codice della strada per la guida in stato di alterazione psico-fisica. Nel caso della cannabis, rimane aperta comunque la questione relativa alle tecniche di verifica della positività al tetraidrocannabinolo (THC) che attestino un’alterazione effettivamente in atto, come per gli alcolici, e non solo un consumo precedente che abbia esaurito il cosiddetto effetto “drogante”.

La prevenzione

I proventi derivanti per lo Stato dalla legalizzazione del mercato della cannabis sono destinati per il 5% del totale annuo al finanziamento dei progetti del Fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga. Inoltre, i proventi delle sanzioni amministrative relative alla violazione dei limiti e delle modalità previste per la coltivazione/detenzione di cannabis, sono interamente destinati ad interventi informativi, educativi, preventivi, curativi e riabilitativi, realizzati dalle istituzioni scolastiche e sanitarie e rivolti a consumatori di droghe e tossicodipendenti.

Manifesto

Nella sua ultima Relazione annuale, la Direzione Nazionale Antimafia ha denunciato apertamente, a proposito dell’azione di contrasto alla diffusione dei derivati della cannabis, “il totale fallimento dell’azione repressiva” e “la letterale impossibilità di aumentare gli sforzi per reprimere meglio e di più la diffusione dei cannabinoidi”. D’altra parte, aggiunge la DNA, dirottare ulteriori risorse su questo fronte ridurrebbe l’efficacia dell’azione repressiva su “emergenze criminali virulente, quali quelle rappresentate da criminalità di tipo mafioso, estorsioni, traffico di essere umani e di rifiuti, corruzione, ecc.” e sul “contrasto al traffico delle (letali) droghe ‘pesanti’”.

In questo quadro, è proprio la DNA a proporre politiche di depenalizzazione che potrebbero dare buoni risultati “in termini di deflazione del carico giudiziario, di liberazione di risorse disponibili delle forze dell’ordine e magistratura per il contrasto di altri fenomeni criminali e, infine, di prosciugamento di un mercato che, almeno in parte, è di appannaggio di associazioni criminali agguerrite”.

La proposta della DNA è tutt’altro che teorica, vista l’evoluzione della politica e della legislazione sulle droghe leggere nel Paese, che è stato per decenni un guardiano e un garante inflessibile dell’ordine proibizionista. Negli USA, infatti, cresce rapidamente il numero degli Stati che hanno legalizzato la produzione e la vendita della marijuana per uso ricreativo. Colorado, Washington, Oregon, Alaska e District of Columbia segnano una tendenza che è destinata a consolidarsi e che la Presidenza Obama non intende minimamente avversare. A questi si aggiungono l’Uruguay nonché altri Paesi, anche europei, che stanno sperimentando strategie più o meno esplicite di depenalizzazione.

L’opzione antiproibizionista sulla marijuana non è più semplicemente un’idea, ma è diventata una concreta strategia di governo, con effetti positivi sul piano sociale, sanitario e del contrasto alle organizzazioni criminali e con una dimostrabile efficienza sul piano fiscale. Pensiamo che anche in Europa e in Italia abbia senso lavorare per seguire l’esempio dei paesi che per primi sono passati a un sistema di piena regolamentazione legale della produzione, vendita e consumo della cannabis, adattandone le caratteristiche al nostro contesto sociale e giuridico. E pensiamo che debbano essere proprio i legislatori a organizzare una vera riflessione pubblica su questo tema, a maggior ragione dopo un richiamo autorevole e drammatico come quello della DNA.

Per questa ragione abbiamo deciso di costituire un intergruppo parlamentare per la legalizzazione della cannabis e dei suoi derivati, capace di rivolgersi insieme ad opinione pubblica e forze politiche e di lavorare a una proposta comune, credibile e concreta da presentare all’attenzione delle Camere. Occorre che una discussione evidentemente aperta sul piano politico e civile trovi finalmente riscontro anche nel dibattito istituzionale.

Componenti

 

Agostini Roberta (PD)

 

Airaudo Giorgio (SEL)

 

Airola Alberto (M5S)

 

Albanella Luisella (PD)

 

Amato Maria (PD)

 

Amoddio Sofia (PD)

 

Argentin Ileana (PD)

 

Baldassarre Marco (Misto)

 

Battista Lorenzo (Autonomie)

 

Bechis Eleonora (Misto)

 

Beni Paolo (PD)

 

Bernini Paolo (M5S)

 

Bordo Franco (SEL)

 

Bruno Bossio Vincenza (PD)

 

Capozzolo Sabrina (PD)

 

Carella Renzo (PD)

 

Carloni Anna Maria (PD)

 

Carra Marco (PD)

 

Causi Marco (PD)

 

Cenni Susanna (PD)

 

Cioffi Andrea (M5S)

 

Civati Giuseppe (Misto)

 

Cominelli Miriam (PD)

 

Costantino Celeste (M5S)

 

Cotti Roberto (M5S)

 

Culotta Magda (PD)

 

Dalla Zuanna Gianpiero (PD)

 

D’Anna Vincenzo (GAL)

 

Damiano Cesare (PD)

 

De Petris Loredana (SEL)

 

De Rosa Felice (M5S)

 

Della Vedova Benedetto (Misto)

 

Di Lello Marco (Misto)

 

Donno Daniela (M5S)

 

Duranti Donatella (SEL)

 

Fabbri Camilla (PD)

 

Fabbri Marilena (PD)

 

Farina Daniele (SEL)

 

Fassina Stefano (Misto)

 

Ferrara Francesco (SEL)

 

Ferraresi Vittorio (M5S)

 

Fossati Filippo (PD)

 

Fratoianni Nicola (SEL)

 

Galli Carlo (PD)

 

Gandolfi Paolo (PD)

 

Giachetti Roberto (PD)

 

Giacobbe Anna (PD)

 

Giordano Giancarlo (SEL)

 

Giuliani Fabrizia (PD)

 

Gnecchi Luisa (PD)

 

Gribaudo Chiara (PD)

 

Guerini Giuseppe (PD)

 

Iannuzzi Cristian (Misto)

 

Impegno Leonardo (PD)

 

Kronbichler Florian (SEL)

 

La Forgia Francesco (PD)

 

Lo Giudice Sergio (PD)

 

Locatelli Pia (Misto)

 

Maestri Patrizia (PD)

 

Malpezzi Simona (PD)

 

Manconi Luigi (PD)

 

Maran Alessandro (PD)

 

Marchetti Marco (PD)

 

Marcon Giulio (SEL)

 

Margiotta Salvatore (FI)

 

Martino Antonio (FI)

 

Matarrelli Toni (SEL)

 

Mattesini Donella (PD)

 

Mattiello Davide (PD)

 

Melilla Gianni (SEL)

 

Micheloni Claudio (PD)

 

Minnucci Emiliano (PD)

 

Montevecchi Michela (M5S)

 

Nicchi Marisa (SEL)

 

Nugnes Paola (M5S)

 

Orellana Luis Alberto (Autonomie)

 

Pagani Alberto (PD)

 

Paglia Giovanni (SEL)

 

Palazzotto Erasmo (SEL)

 

Pannarale Annalisa (SEL)

 

Pastorino Luca (Misto)

 

Pellegrino Serena (SEL)

 

Petraglia Alessia (SEL)

 

Petrini Paolo (PD)

 

Pini Giuditta (PD)

 

Piras Michele (SEL)

 

Placido Antonio (SEL)

 

Quaranta Stefano (SEL)

 

Rampi Roberto (PD)

 

Realacci Ermete (PD)

 

Ricchiuti Lucrezia (PD)

 

Ricciatti Lara (SEL)

 

Romani Maurizio (Misto)

 

Sani Luca (PD)

 

Sannicandro Arcangelo (SEL)

 

Schirò Gea (PD)

 

Scotto Arturo (SEL)

 

Sgambato Camilla (PD)

 

Simeoni Ivana (Misto)

 

Stumpo Nicola (PD)

 

Taverna Paola (M5S)

 

Tentori Veronica (PD)

 

Terrosi Alessandra (PD)

 

Tidei Marietta (PD)

 

Tullo Mario (PD)

 

Turco Tancredi (Misto)

 

Vargiu Pierpaolo (SC)

 

Vecchio Andrea (SC)

 

Ventricelli Liliana (PD)

 

Villarosa Alessio Mattia (M5S)

 

Zaccagnini Adriano (SEL)

 

Zaratti Filiberto (SEL)

 

Zin Claudio (Autonomie)
Proposta di legge Cannabis Legale – intergruppo parlamentare was last modified: giugno 11th, 2017 by glianni70.it

Post correlati

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Rispondi

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: