PIAZZA FONTANA noi sapevamo di Andrea Sceresini, Nicola Palma, Maria Elena Scandaliato

piazzafontanaPIAZZA FONTANA noi sapevamo» di Andrea Sceresini, Nicola Palma, Maria Elena Scandaliato

Golpe e stragi di Stato. Le verità del generale Maletti.

Loro sapevano. Fin dall’inizio, sapevano tutto. Quarant’anni dopo la grande strage impunita, c’è una nuova pista nera che porta in piazza Fontana.

Un mistero del Sid custodito dal condannato più eccellente, il generale Gian Adelio Maletti, che dal suo rifugio dorato in Sudafrica ora comincia a parlare.

«Quel giorno, a piazza Fontana, erano in quattro…»

L’esplosivo di piazza Fontana si trovava in un arsenale di Venezia e proveniva dalla Germania. A quarant’anni dalla strage, emerge la più inquietante delle verità. A raccontarla è l’ex capo del controspionaggio del Sid, Gian Adelio Maletti, intervistato nel novembre 2009 dai giornalisti Andrea Sceresini, Nicola Palma e Maria Elena Scandaliato nel suo rifugio dorato in Sudafrica, dove è scappato trent’anni fa per sfuggire all’arresto.

Un intervista esclusiva a Andrea Sceresini e Maria Elena Scandaliato, autori insieme a Nicola Palma di “PIAZZA FONTANA noi sapevamo” (Aliberti editore, 23.04.2010)

Il generale per la prima volta apre i suoi archivi, allungando un’ombra inquietante sulla matrice americana della strage e facendo importanti rivelazioni sull’esplosivo usato a piazza Fontana, sul percorso delle bombe e sul commando («Io so i loro nomi»), composto da elementi legati all’eversione nera veneta.
Gli autori dell’intervista sono riusciti a individuare uno di loro, cosa che né la magistratura né la stampa erano mai state in grado di fare.

Maletti riferisce di un coinvolgimento americano anche nel golpe Borghese e nella strage di piazza della Loggia, che sarebbe stata eseguita da neofascisti «della stessa covata di piazza Fontana».

Tra coloro che sapevano di questa strategia, figurano i nomi di Giulio Andreotti e del presidente Saragat, insieme ad altri personaggi minori: uno di questi, assicura Maletti, era ministro nel penultimo governo Berlusconi.

Il generale si sofferma inoltre su molti dei cosiddetti “grandi misteri d’Italia”, dal caso Pecorelli all’omicidio Calabresi. Le sue precise ammissioni circa le dinamiche di alcuni episodi chiave della strategia della tensione e le rivelazioni sul Sid, sull’Ufficio affari riservati e sull’esercito italiano aprono nuovi inquietanti scenari sul lato oscuro dello Stato.

Gli autori

Andrea Sceresini (Sondrio, 1983), giornalista, ha scritto per «Il manifesto», «Diario», «Avvenire» e «Il Giorno».
Nicola Palma
(Apricena, Foggia, 1982) scrive sul quotidiano «Il Giorno», dove si occupa di calcio e sport. Ha collaborato con «Il manifesto».
Maria Elena Scandaliato
(Roma, 1980) ha lavorato per Sky e per RomaUno Tv. Ha scritto articoli e inchieste per «Diario», «L’Europeo» e «L’Espresso».

 

PIAZZA FONTANA noi sapevamo di Andrea Sceresini, Nicola Palma, Maria Elena Scandaliato was last modified: dicembre 26th, 2014 by glianni70.it

Post correlati

Bookmark the permalink.

Vecchi commenti

  1. Pingback:Piazza Fontana noi sapevamo - Il passato che non passa di Vincenzo Vinciguerra - Radio Rock Revolution Anni 70

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.