Per il Movimento dell’Autonomia Operaia

i volsci

Per il Movimento dell’Autonomia Operaia : Il Movimento è la singola volontà che si fa progetto, che si fa forza per realizzare con rinnovata energia la costruzione dell’unita di classe e la lotta per l’alternativa comunista. [tratto da “I VOLSCI” numero 6 ottobre 1978]

 

 

Per organizzarci

Molti segni indicano oggi che il divario tra la condizione di vita dei proletari e la ricchezza dei loro bisogni, tra l’oppressione del controllo sociale e la qualità dei comportamenti autonomi di lotta, si è approfondito ed esteso in maniera irreversibile.
Al punto in cui siamo non si può restare fermi. Occorre che la ribellione sociale, già consolidatasi in alcuni settori di classe, si arricchisca degli strumenti organizzativi necessari a far fronte adeguatamente al processo di ristrutturazione statuale e padronale.
L’urgenza, la qualità e le forme del processo organizzativo si presentano, a nostro avviso, come la questione cruciale di questa nuova stagione politica.
Su questo tema la discussione interna al movimento ed anche all’area dell’Autonomia Operaia organizzata, si è andata approfondendo già prima dell’estate rispetto ai problemi posti, ma non risolti, dal movimento del ’77; sia rispetto a quelli connessi al caso Moro e sia rispetto al progressivo diffondersi di comportamenti autonomi dal sindacato tra i lavoratori occupati.
Le stesse analisi fatte da riviste come Controinformazione e Primo Maggio, che introducono nuovi (per loro) elementi di valutazione teorica sull’autonomia operaia e con le quali riteniamo giusto intraprendere un dibattito a partire dai prossimi numeri, testimoniano dell’attualità di questo tema. Ma l’analisi dell’autonomia e dei suoi comportamenti, così come l’analisi della ristrutturazione del capitale, non bastano se di pari passo non si avvia concretamente il processo organizzativo.
Occorre, per essere più espliciti, chiarire che cosa fare e come farlo, per uscire tanto dalle secche del qualunquismo di sinistra generato principalmente da Lotta Continua, quanto per superare la vacazione minoritaria dimostrata da alcune componenti dell’Autonomia Operaia come Rosso e Senza Tregua.
E’ questo un impegno a cui, da oltre un anno, ci siamo dedicati unitamente ai compagni di altre situazioni organizzate dell’Autonomia Operaia del Nord e del Sud. La proposta che facciamo, quindi, il Movimento del- 1’Autonomia Operaia, è la risultante di questo sforzo collettivo e intendiamo metterla in discussione nel movimento per verificarla ed arricchirla dei contributi che, Collettivi o singoli compagni, riterranno di dare, fino ad approssimarne sempre più le tappe della sua realizzazione attraverso momenti di confronto su temi specifici e generali, quali certamente, ma non esclusivamente, il Convegno Operaio a Ottobre e l’Assemblea nazionale a Novembre che, come scrivevamo nel numero cinque del giornale, e tutta da costruire.
Per assolvere a questo compito “I Volsci” diventeranno meno “romani” e si arricchiranno dei contributi di tutte le popolazioni barbare del territorio nazionale, non per fare del giornale il “portavoce dell’organizzazione”, ma per renderlo uno strumento adatto alla sua promozione.
Nelle pagine che seguono quindi, il giornale cerca di interpretare questa esigenza, fornendo i termini specifici per l’avvio del dibattito sull’organizzazione (con la pubblicazione del documento sul Movimento dell’Autonomia Operaia) e i termini iniziali un’analisi di fase e di programma da verificare, sia attraverso la rispondenza che i compagni vi troveranno rispetto alla propria situazione, sia riguardo alla possibilità di tradurre praticamente queste analisi in forme di lotta e di organizzazione.


Per il Movimento dell’Autonomia Operaia

Per il Movimento dell’Autonomia Operaia was last modified: novembre 18th, 2014 by glianni70.it

Post correlati

Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.