Il deposito – Il treno che pareva un balcone. Canzoniere politico-popolare

Ildeposito – Il treno che pareva un balcone. Canzoniere politico-popolareIl deposito – Il treno che pareva un balcone.

Canzoniere politico-popolare

Il Deposito (www.ildeposito.org) è un sito internet che si pone l’obiettivo di diventare un archivio di testi e musica di canti di protesta politica e sociale, canti che hanno sempre accompagnato la lotta delle classi oppresse e del movimento operaio, che rappresentano un patrimonio politico e culturale di valore fondamentale, da preservare e fare rivivere. Questo è lo spirito che anima il Deposito, e di conseguenza il presente Canzoniere politico-popolare.

In questi canti è racchiusa e raccolta la tradizione, la memoria delle lotte politiche e sociali che hanno caratterizzato la storia, in Italia ma non solo, con tutte le contraddizioni tipiche dello sviluppo storico, politico e culturale di un società. Dal risorgimento, passando per i canti antipiemontesi. Dagli inni anarchici e socialisti dei primi anni del ‘900 ai canti della Grande Guerra. Dal primo dopoguerra, ai canti della Resistenza, passando per i canti antifascisti. E poi il secondo dopoguerra, la ricostruzione, il “boom economico”, le lotte studentesche e operaie di fine anni ’60 e degli anni ’70. Ogni periodo ha avuto i suoi canti, che sono più di semplici colonne sonore: sono veri e propri documenti storici che ci permettono di entrare nel cuore degli avvenimenti, passando per canali non tradizionali.

Il treno che pareva un balcone. Il titolo che abbiamo voluto dare a questo canzoniere è un omaggio a una delle figure più importanti nella storia della musica popolare, di protesta e non solo: Giovanna Marini. in curva il treno che pareva un balcone, quei balconi con la coperta per la processione: il treno era coperto di bandiere rosse, slogan, cartelli e scritte a mano

I treni per Reggio Calabria, scritta nel 1975, una canzone significativa, sotto tutti i punti di vista. In primo luogo perché è una delle canzoni della cosiddetta linea rossa, cui fanno genericamente riferimento l’insieme dei cantautori e ricercatori che facevano riferimento al Nuovo Canzoniere Italiano, alle produzione de I Dischi del Sole, etc. Ma è anche un documento che vuole mettere in evidenza l’unità di classe del proletariato, unità che supera le differenze geografiche, in Italia, tra nord e sud. E l’autonomia di classe del proletariato, per i ricercatori che giravano intorno al Nuovo Canzoniere Italiano, si riflette anche nell’autonomia culturale delle classi subalterne rispetto alla cultura alta delle classi al potere. Si riprende quindi la definizione di De Martino e di Gianni Bosio della cultura popolare come cultura autonoma dalla cultura dominante, tendenzialmente portatrice dei valori e dei modi di concepire il mondo delle classi al potere.

Questo Canzoniere politico-popolare, e i contenuti de ildeposito.org, non rappresentano un canzoniere di musica popolare, ma neanche un canzoniere di musica impegnata, o politica. Sappiamo benissimo che queste categorie non possono essere mai definite in modo assoluto e perenne, ma sono categorie dialettiche, che cambiano nel tempo e nello spazio. Ma, ai fini di un lavoro di raccolta e di riproposizione come quello che portiamo avanti, queste categorie hanno sicuramente una loro funzionalità, ed è con questo spirito le stiamo utilizzando. Per quanto riguarda il rapporto con la musica popolare, sono sicuramente presenti canti popolari, ma, come recita il titolo del sito, canti di protesta politica e sociale. Per cui sono presenti i canti marcatamente politici della grande “famiglia” della musica popolare, nell’accezione cui si è già fatto riferimento.

Il repertorio e la tradizione cui si fa riferimento, per i canti del secondo dopoguerra, sono quelli legati da una parte alle ricerche effettuate dal gruppo dei Cantacronache prima, e del Nuovo Canzoniere Italiano successivamente. Dall’altra parte si è seguito il filone della nuova canzone politica, senz’altro legata sia alle esperienza dei Cantacronache e del Nuovo Canzoniere Italiano. Ma anche il repertorio dei numerosi Canzonieri legati direttamente alle realtà di lotta di quegli anni (mi riferisco al Canzoniere Pisano, al Canzoniere del Proletariato, etc).

Non si tratta invece, come già detto, di una generica raccolta di canti politici. Salterebbero all’occhio grandi assenze: il repertorio di Guccini, di De Andrè, o di De Gregori, e molti altri (repertorio che ci è tutt’altro che indifferente!). C’è una ragione diquesta lacuna. Ci sono limiti oggettivi, come la mancanza fisica di persone che collaborino al sito, dato che l’ampliamento dell’archivio in quel senso sarebbe un grosso aggravio di lavoro. Ma pensiamo anche che cantautori come Guccini, De Andrè etc, abbiano avuto (giustamente) il loro spazio nei media, alla televisione, nei negozi di dischi, nelle librerie.
Il nostro impegno è quindi teso a valorizzare e riproporre un filone della canzone di protesta che è oramai praticamente ignorato da certi canali, sia culturali che commerciali. Ad alcuni potrà sembrare una scelta non condivisibile, ma possiamo assicurare che si tratta di una scelta consapevole e motivata.

Quello che ci auguriamo è che questo Canzoniere politico-popolare, come ildeposito.org e tutti i progetti da esso promossi, possano servire alla riscoperta, alla diffusione e alla valorizzazione di questo repertorio, non solo come recupero di un materiale passato e legato ad esperienze storiche passate, ma anche come stimolo per la ripresa di un canto politico che sia in qualche modo legato a una tradizione esistente, una tradizione importante e significativa.

Link pdf

Il deposito – Il treno che pareva un balcone. Canzoniere politico-popolare was last modified: gennaio 4th, 2015 by glianni70.it

Post correlati

Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.