Colpire al cuore – Blow to the Heart (1983) film

Colpire al cuore

Colpire al cuore aka Blow to the Heart (1982)

 

Paese: Italia
Anno: 1983
Durata: 105′
Colore: colore
Audio: sonoro
Rapporto: 1.66:1
Genere: drammatico
Regia: Gianni Amelio
Soggetto: Gianni Amelio
Sceneggiatura: Vincenzo Cerami
Produttore: Enzo Porcelli
Fotografia: Tonino Nardi
Montaggio: Anna Rosa Napoli
Musiche: Franco Piersanti
Scenografia: Marco Dentici

Interpreti e personaggi:
* Jean-Louis Trintignant: Dario
* Fausto Rossi: Emilio
* Laura Morante: Giulia
* Sonia Gessner: Madre di Emilio
* Vanni Corbellini: Sandro Ferrari
* Laura Nucci: madre di Dario
* Matteo Cerami: Matteo
* Vera Rossi

TRAMA

La storia del film è incentrata sul rapporto di Emilio, un ragazzo minorenne intelligente e sensibile, con suo padre Dario che insegna all’Università di Milano. Durante una visita nella casa di campagna della nonna i due fanno la conoscenza di una giovane coppia, Giulia e Sandro, che si scopre essere un allievo di Dario. Qualche sera dopo, a Milano, Emilio è testimone di una scena che sconvolgerà il suo fragile equilibrio. Il ragazzino assiste ad una sparatoria tra terroristi e carabinieri e crede di scorgere nell’uomo che vede a terra, colpito a morte, il ragazzo che aveva conosciuto giorni prima in campagna.

 

RECENSIONI
 

Colpire al cuore - Blow to the Heart (1983) film

Esordio al cinema di Amelio dopo un apprezzato tirocinio in Tv (co-produce la RAI). L’opera ha ricevuto numerosi premi, anche perché la poesia degli sguardi, della spontaneità, il cinema del “cuore”, delle emozioni sommesse di Amelio è qualcosa di davvero ragguardevole: privilegia i rapporti a due, fra generazioni differenti, la sineddoche (la parte per il tutto), un tema scottante (è il primo film a occuparsi del terrorismo), la naturalezza delle recitazioni (Trintignant è bravo di suo ma quel che il regista riesce a tirar fuori dal ragazzino è magnifico). Un neo-neo-realismo sensibile e delicato, senza troppe impennate drammatiche, che incanta con un prodotto a basso costo, in quasi totale assenza di movimenti di macchina, aiutato e seppellito però dall’apporto dello scrittore Vincenzo Cerami (stessi errori di Un Borghese Piccolo Piccolo e Porte Aperte) che, se da un lato ravviva la staticità con elementi più d’effetto, introduce anche premesse dure a digerirsi (il figlio che denuncia il padre senza una particolare ragione, senza conflitti precedenti: “solo” un’allegoria di un paese che li oppone?) mentre il rischio di ridurre un argomento importante in trattazione grossolana (il ragazzo che gira con una macchina fotografica con teleobiettivo da supereroe) è evitato solo da un messaggio/apologo di fondo irritantemente ambiguo e aleatorio, non certo complesso o ricco di sfumature. Due modi di fare cinema che cozzano, uno potentemente emotivo, l’altro semi-surreale (frivolo): il risultato è un realismo che si sublima in allegoria poco limpida (è il terrorismo a impedire il riavvicinamento padre/figlio? La disumanità a chi appartiene, al figlio che compie il suo dovere? E l’umanità?), non giustificata nel richiamo di un clima di sospetto e terrore, che non convince e non è esauriente né come dissertazione sul terrorismo né come quadro di conflitti generazionali. Sul piatto resta solo indecisione semantica e stilistica, a specchio del doppio senso (sfuggente) del titolo: un figlio che colpisce al cuore il padre e il terrorismo. Bellissimo, però, il modo in cui è ritratta Milano.

 

Colpire al cuore - Blow to the Heart (1983) film

Colpire al cuore - Blow to the Heart (1983) film

 

 

 

Colpire al cuore – Blow to the Heart (1983) film was last modified: giugno 30th, 2017 by Radio Rock Revolution

Post correlati

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Un commento

  1. Pingback:Film e documentari sugli anni di piombo - Radio Rock Revolution Anni 70

Rispondi