Born Into This – Nato per essere Bukowski (2003)

Born Into This - Nato per essere Bukowski (2003)

Born Into This – Nato per essere Bukowski (2003), [H264 – Eng Aac – Sub Ita]

 

Heinrich Karl Bukowski nasce in Germania nel 1920 e prima di morire nel 1923, faceva tutto quello che i bambini tedeschi facevano nel 1920, ovvero morire di fame. Nel 1923 Heinrich Karl Bukowski muore in Germania e rinasce al di là dell’oceano con il nome di Henry Charles Bukowski.
E’ il 1923 e Henry fa tutto quello che un bambino di origini tedesche fa negli Stati Uniti d’America, ovvero incassare le prese per il culo dei suoi coetanei americani. La faccia di Henry, prima di morire per la seconda volta, è assalita dalle sberle del padre, dall’acne, dal tempo che passa. E’ assalita dalla vergogna. E’ il 1944 e Henry Charles Bukowski muore. E muore lentamente in un ufficio postale, con un corpo che è un buco unico perforato dall’ulcera e dall’acne.
Muore e rinasce al di là del suo corpo con il nome di Henry Chinaski, ed è attraverso questo corpo di carta e inchiostro che Henry Charles Bukowski si rigenera nuovamente, questa volta per sempre. E’ uno scrittore ancora prima di essere pubblicato, è uno scrittore giorno dopo giorno. Scrive perché scrivere è l’unica cosa che gli permette di sopportare e di sopportarsi. Scrive e diventa Charles Bukowski. Scrive e diventa un dio ubriaco e arrabbiato, commosso e arrapato.
E a raccontarci la storia di Charles Bukowski, poeta e dio, ci pensa il documentario di John Dullaghan “Nato per essere Bukowski” (ma il titolo originale, Bukowski: born into this è sicuramente più rappresentativo). Il film di Dullaghan è un documentario tradizionale che ripercorre la biografia dello scrittore attraverso materiale di repertorio e interviste ad amici e familiari.
Il materiale di repertorio scelto da Dullaghan è variegato e rappresentativo del personaggio (interviste televisive, stralci da documentari, riprese amatoriali) ed è capace di far emergere al contempo il suo lato più caustico e quello più malinconico e sentimentale. A ricordarlo nelle interviste ci sono invece, oltre alla moglie Linda Lee Bukowski, anche Bono degli U2, Sean Penn, Tom Waits, Barbet Schroeder e Harry Dean Stanton che ci regala un commovente reading.
Il mosaico architettato da Dullaghan funziona alla perfezione, mostrandoci le infinite sfaccettature di uno dei più importanti scrittori americani.

Titolo originale: Bukowski: born into this
Anno: 2003
Genere: Documentario – Biografico
Regia: John Dullaghan

Cast: Charles Bukowski, Bono, John Bryan, Sean Penn. . .

Bellissimo film documentario sulla figura, la follia e il genio di Charles Bukowski. Uno dei più innovativi e puri narratori e poeti del nostro secolo. Le sue opere le conosciamo tutti: le tante poesie, più di mille, e i romanzi come Post office, Factotum, Panino al prosciutto e le raccolte di racconti, tra cui Storie di ordinaria follia e Compagno di Sbronze. I suoi temi erano la sua vita: notti brave a base di alcol, tantissimo, scopate rubate qua e là a donne belle, brutte, vecchie e giovanissime, scommesse ai cavalli dove non beccò mai un quattrino e tutta la sua carica anticonformista, che lo fece essere uno degli ultimi esponenti di quella grande corrente culturale e poetica che fu la “Beat generation”.
Ma quante volte abbiamo potuto ascoltare la sua voce così profondamente alcolica e piena zeppa di nicotina? In quanti, che pur ne conoscono l’opera, hanno idea di come fosse, di come si muovesse, delle espressioni del suo volto butterato dall’acne giovanile? Aldilà delle poche foto che a volte si trovano sui suoi libri, questo film, “Bukowski: Born Into This” (Nato per essere Bukowski), diretto da John Dullaghan nel 2003 ci dà la possibilità di vedere in azione il buon vecchio Henry Chinaski, in tutta la sua geniale pazzia. Nel film compaiono anche alcuini suoi grandi amici, come Bono Vox, Sean Penn e Tom Waits.

Born into this – Nato per essere Bukowski (2003), [H264 – Eng Aac – Sub Ita] by Radio Rock Revolution

Un paio di poesie per ricordarci chi era il vecchio Hank:

 “Primo amore”

Un tempo quando avevo 16 anni
c’era solo qualche scrittore a darmi speranza e conforto.a mio padre non piacevanoi libri
e a mia madre neppure
perchè non piacevano al babbo
specie i libri che prendevo io in biblioteca:
D.H. Lawrence, Dostoevskij, Turgenev,
Gorkij, A. Huxley, Sinclair Lewis, e altri.avevo la mia camera da letto
ma alle 8 di sera bisognava filare tutti a nanna:
il mattino ha l’oro in bocca, diceva mio padre poi gridava:
luci spenteallora mettevo la lampada sotto le coperte
e continuavo a leggere sotto la luce calda e nascosta:
Ibsen, Shakespeare, Cechov, Jeffers,Thurber, Conrad Aiken e altri.

mi offrivano una opportunità e qualche speranza
in un posto senza opportunità
speranza, sentimento.me la guadagnavo.
faceva caldo sotto le coperte.
qualche volta fumavano le lenzuola
allora spegnevo la lampada,
la tenevo fuori per raffreddarla.

senza quei libri non sono del tutto sicuro
di cosa sarei diventato:
delirante; parricida; idiota; buonannulla.

quando mio padre gridava
luci spente
son sicuro che lo terrorizzava
la parola ben tornita e immortalata
una volta per tutte nelle pagine migliori
della nostra più bella letteratura.

ed essa era lì per me vicina a me sotto le coperte
più donna di una donna più uomo di un uomo.

era tutta per me e io la presi

“La società dovrebbe capire”

uno consulta filosofi e psichiatri
quando le cose non stanno andando bene
e le puttane quando vanno bene.
le puttane esistono per i ragazzi e
per i vecchi; ai ragazzi dicono:
“non spaventarti, dolcezza, ecco lo infilo
dentro io per te”.
e per i vecchi
recitano come se
uno le stesse conquistando sul serio.
la società dovrebbe capire il valore delle
puttane – intendo quelle a cui piace il mestiere –
quelle che quasi lo rendono
un’arte.

penso a una volta
in un bordello messicano
a una di quelle con straccetto e scodella
che mi lavava l’uccello,
e diventò duro
e lei rise
e io risi
e lei lo baciò, gentilmente e lentamente, poi andò a
distendersi
sul letto
e le montai sopra e lo facemmo piano, senza sforzo,
senza tensione,
e qualcuno bussò alla porta
e cacciò un urlo:
“hey! che diavolo succede lì dentro?
sbrigatevi!”
ma era come una sinfonia di Mahler
– non ti fai fretta
e basta.

quando finii e lei s’alzò, riapparve
di nuovo con straccio e scodella
ed entrambi ridemmo;
allora lo baciò
gentilmente e lentamente,
e io mi tirai su e mi rivestii
e me ne andai –
“Gesù, compare, che diavolo facevate là
dentro?”
“scopavo,” dissi al gentiluomo
e camminai fino in fondo al corridoio e scesi i gradini e rimasi

là fuori sulla strada ad accendere una di quelle
dolci sigarette messicane alla luce della luna.
liberato e di nuovo reso umano
per 3 dollari appena,
amavo la notte, il Messico e
me stesso.

Download Born Into This – Nato per essere Bukowski (2003), [H264 – Eng Aac – Sub Ita]

Durata: 1 h 35 m
Lingue: Inglese
Sottotitoli: Italiano
Dimensione: 267 Mb
Formato: MPEG-4
Larghezza: 480 pixel
Altezza: 360 pixel
Frame rate: 25 fps

Born Into This – Nato per essere Bukowski (2003) was last modified: novembre 30th, 2014 by glianni70.it

Post correlati

Bookmark the permalink.

Vecchi commenti

  1. Pingback:I migliori film sulla Beat Generation - Radio Rock Revolution Anni 70

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.