Autonomia proletaria

Autonomia proletaria

Una dopo l’altra tacciono, o sono messe a tacere, le «voci» del movimento ’77.Uno dopo l’altro si svuotano, mentre si riempiono le galere, i «ghetti liberati» dell’Autonomia.In questa tragica quiete il suo «fantasma», meno rumoroso ma forse più efficace, riconsegna nelle mani del proletariato il cervello teorico del mondo contemporaneo, che questo movimento ha materializzato e dell’autonomia proletaria costituisce Forma propria… «prima del diluvio».La fine di questo ventesimo secolo è tempo di rivoluzione tanto per i paesi capitalisti quanto per quelli pseudosocialisti.In questa prospettiva, l’individuazione di un progetto politico (economico-sociale) di autonomia proletaria deve passare attraverso l’analisi della sua storia e delle forme di organizzazione che i proletari hanno cercato di darsi ogniqualvolta hanno potuto farlo.In questa prospettiva, riscoprire questa controstoria della storia borghese e neoborghese: la storia dell’autonomia proletaria; articolare gli elementi di contropotere che risultano dalla pratica economico-politica dei proletari significa ricostituire l’intelligenza teorica del movimento storico indispensabile a non mancare questo appuntamento, costituire attraverso l’esperienza di generazioni di proletari senza rivoluzione una strategia rivoluzionaria per la nostra generazione.In questa prospettiva…

AUTONOMIA PROLETARIA

Passato e presente
Storia e teoria

La redazione

autonomia proletaria

Autonomia proletaria was last modified: dicembre 17th, 2014 by glianni70.it

Post correlati

Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.