Alfredo M. Bonanno – “Crisi economica e possibilità rivoluzionarie”

Alfredo M. Bonanno - "Crisi economica e possibilità rivoluzionarie"Alfredo M. Bonanno – “Crisi economica e possibilità rivoluzionarie”

numero 1 di Anarchismo (1975) dal quale è tratto questo scritto

Alfredo Maria Bonanno è un anarchico catanese, nato nel 1937, i cui scritti hanno avuto una grande influenza nella corrente anarchica insurrezionalista, sia nazionale che internazionale.

L’intransigenza di Bonanno ha spesso suscitato vivaci polemiche e discussioni interne al movimento anarchico, determinando fratture e divisioni all’interno dello stesso. Il suo pensiero è stato influenzato dalla figura di José Lluis Facerías, che «quantunque in teoria si definisse anarcosindacalista e difensore acerrimo dell’organizzazione centralista, nella pratica rivendicava l’espropriazione e l’azione diretta e come metodo organizzativo raccomandava il minimo gruppo d’affinità»

L’assoluta intransigenza del suo pensiero rivoluzionario è comunque riassumibile da queste sue stesse parole:

«Siamo rivoluzionari. Il mio scopo non è trovare lavoro alla gente, non me ne importa nulla. Io voglio lottare con chi cerca un lavoro perché lo voglio spingere a capire che è possibile, con certi mezzi, obbligare lo Stato a fare un passo indietro e continuare nell’attacco fino alla distruzione totale dello Stato […] La nostra lotta armata si basa sui principi della semplicità, dell’azione diretta, della riproducibilità, della polverizzazione, della generalizzazione dell’attacco […]. In quanto anarchici, siamo per il massimo coinvolgimento possibile della gente nel processo di liberazione, che deve per forza essere fatto violento».

 

Scarica il pacchetto con più formati (PDF,EPUB,Kindle,Daisy,Full Text,DjVu)

Alfredo M. Bonanno – “Crisi economica e possibilità rivoluzionarie” was last modified: novembre 22nd, 2014 by glianni70.it

Post correlati

Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.