Accadde oggi – Anni 60 – 02/01/1968 L’Eccidio di Avola

avolaAccadde oggi – Anni 60 – 02/01/1968

L’Eccidio di Avola

Lunedì 2 dicembre 1968, Avola, sciopero generale. Uffici, banche, negozi, scuole, poste, cantieri, bar, circoli, è tutto fermo a causa dello sciopero a sostegno della lotta dei braccianti per il rinnovo del contratto di lavoro.
Gli studenti in corteo raggiungono la statale 115, dove i braccianti hanno organizzato blocchi stradali. Il prefetto, D’Urso, comunica al sindaco socialista di Avola, Giuseppe Denaro, l’imminente intervento della polizia da Catania, per rimuovere i blocchi, e verso le 11 il contingente della Celere catanese giunge nei pressi del bivio Lido di Avola. La situazione precipita: inutile la mediazione del sindaco con il prefetto.
Ore 14, i commissari di polizia, con indosso la sciarpa tricolore, ordinano la carica: tre squilli di tromba e inizia il lancio dei lacrimogeni. I braccianti cercano riparo; alcuni lanciano sassi. Il vento spinge il fumo dei lacrimogeni contro la stessa polizia: è allora che gli agenti aprono il fuoco contro i braccianti. Un inferno che durerà circa mezz’ora. Alla fine, Piscitello, deputato comunista, raccoglierà sull’asfalto più di due chili di bossoli.

Due braccianti, Giuseppe Scibilia, 47 anni, e Angelo Sigona, 25 anni, vengono uccisi. Scibilia, soccorso dai suoi compagni, dirà: “Lasciatemi riposare un po’ perché sto soffocando”. Verrà trasportato in ospedale su una 500 ma per lui non ci sarà niente da fare. Oltre ai due morti, si conteranno tra i braccianti 48 feriti, tra cui alcuni gravi. Il ’68, anno della contestazione e della presa di parola, termina nel sangue. Per la prima volta, dopo l’avvio della stagione dei governi di centro-sinistra, la polizia uccide dei lavoratori durante uno sciopero.

Dicembre 1968, Avola: 2 morti; aprile 1969, Battipaglia: 2 morti. E’ un segnale inquietante lanciato da una parte della classe dirigente: la scelta di rispondere al conflitto sociale con la violenza. Un anno dopo, a Milano, la bomba nella Banca dell’Agricoltura aprirà la drammatica stagione della strategia della tensione.
La provincia di Siracusa era divisa in due zone agricole: la prima, denominata A, che comprendeva i comuni della zona nord, quelli più ricchi; la seconda, B, comprendeva i comuni dell’area meridionale della provincia, quelli più poveri.
Nelle due zone erano applicati differenti orari di lavoro (7 ore e 30 contro 8 ore) e differenti salari (3.480 lire al giorno contro 3.110). La lotta dei braccianti poneva, quindi, una elementare rivendicazione egualitaria.
Ugualmente, per quanto riguardava la questione delle commissioni paritetiche di controllo, si trattava di chiedere l’attuazione dell’accordo, sottoscritto in precedenza dalle parti sociali e rimasto lettera morta per le resistenze e l’arrogante rifiuto degli agrari.
La battaglia per il rinnovo contrattuale inizia a settembre del 1968 e raggiunge il suo apice alla metà di novembre. Il 4 novembre viene dichiarato lo sciopero generale dei lavoratori agricoli della provincia.
Le trattative si arenano per la rigidità degli agrari; conseguentemente la tensione sale e i braccianti decidono di ricorrere ai blocchi stradali, come strumento di pressione.
Il prefetto convoca le parti per il 30, ma gli agrari non si presenteranno. Il 1 dicembre lo sciopero prosegue, anche per sollecitare la prefettura a una condotta più energica nei confronti dell’associazione degli agrari. Di fronte alle ulteriori esitazioni del prefetto, che accetta di convocare un nuovo incontro solamente per il 3 dicembre, viene proclamato lo sciopero generale ad Avola. Siamo alla vigilia del drammatico scontro.

Le organizzazioni sindacali proclamano uno sciopero generale di 6 ore in tutta la Sicilia per il 3 dicembre; nelle altre regioni, invece, gli operai e i lavoratori sospendono spontaneamente il lavoro per manifestare la propria rabbia e indignazione.
Numerose manifestazioni di studenti e operai occupano le piazze delle principali città d’Italia: a Milano una manifestazione si conclude con duri scontri tra studenti e la polizia. I cartelli portati dagli operai e dai braccianti nelle manifestazioni di protesta sono amari e indignati: “il sangue e la morte non sfamano i lavoratori”, “i contratti non si firmano con il sangue”.

La tensione nel paese è altissima. L’uccisione di due braccianti in lotta per rivendicazioni elementari si rivela immediatamente ingestibile da parte della destra e dei partiti di governo. L’eccidio di Avola cade, tra l’altro, in una situazione politicamente delicata.
Il governo “balneare”, guidato dal democristiano Giovanni Leone, è appena caduto lasciando il paese nel pieno dell’ennesima crisi politica. Alcuni giornali e commentatori politici cercheranno di mettere in relazione l’eccidio con il “vuoto” di potere politico determinato dalla crisi di governo. Pochi giorni dopo nascerà un nuovo governo di centro-sinistra guidato dal democristiano Mariano Rumor.
L’ennesimo atto di brutalità compiuto dalla polizia durante uno sciopero rilancia la richiesta da parte delle organizzazioni sindacali e dei partiti di sinistra di disarmare la polizia durante i conflitti di lavoro.
Il fatto che la polizia spari su dei braccianti che rivendicano un aumento salariale minimo e, soprattutto, un trattamento egualitario nell’ambito della stessa provincia, viene interpretato come dimostrazione della non riformabilità dello stato e della sua intrinseca “ferocia di classe”.
Il salto di qualità dalle cariche della polizia e dalle inchieste della magistratura contro gli studenti all’uso delle armi da fuoco contro gli scioperanti, viene percepito dal movimento come una scelta di chiusura drastica da parte del governo e dei poteri costituiti: un richiamo all’ordine, la scelta di arrestare quel fiume in piena della contestazione che aveva, ormai, ampiamente superato i cancelli delle università per diffondersi nei posti di lavoro, nelle scuole, nell’intera società.
Avola è, però, anche un oltraggio alla miseria. Nella società italiana, trasformata radicalmente dal miracolo economico, nella quale il livello di vita è significativamente cambiato per molti, nella quale ormai i consumi crescono mentre va affermandosi uno stile di vita lontano dalle privazioni e dalla parsimonia postbellica, la polizia spara contro i braccianti.
Il movimento studentesco, già attraversato da un ideologia anticonsumistica, legge l’eccidio di Avola anche come un arrogante risposta dei ricchi contro i poveri. Dopo Avola, si radicalizza la protesta studentesca contro il lusso e la sua ostentazione.
Il 7 dicembre 1968, a Milano, gli studenti guidati da Mario Capanna, contestano la prima della Scala, storica vetrina della ricca borghesia meneghina; alla fine del mese, a Viareggio, la notte di Capodanno, la contestazione si rivolge contro i frequentatori del lussuoso locale notturno “La Bussola”. La polizia torna a sparare, questa volta contro gli studenti, e un ragazzo, Soriano Ceccanti, rimane paralizzato in seguito alle ferite riportate.

Ricordare Avola

[1969] Una canzone composta sul palco del cabaret palermitano “I Travaglini”, nato nel 1966.
Testo trovato nel’articolo di Sebastiano Burgaretta intitolato “I fatti di Avola nei canti di protesta”, pubblicato sulla rivista “Avolesi nel mondo” (Anno 6 n. 3 – Dicembre 2005)
Con Sicilia a lutto di Franco Trincale, una delle prime canzoni sull’eccidio di Avola del 2 dicembre 1968.
Un testo bellissimo, a mio parere…

Corteo di protesta in Sicilia dopo i fatti di Avola

Corteo di protesta in Sicilia dopo i fatti di Avola

Ad Avola, nel siracusano, il 2 dicembre 1968 la polizia sparò ad altezza uomo su di una folla di contadini che protestavano contro lo sfruttamento ed il caporalato… Angelo Sigona e Giuseppe Scibilia rimasero uccisi e altre 48 persone ferite…
Quella gente allora chiedeva a gran voce quei diritti che sarebbero stati di lì a poco almeno in parte sanciti nello Statuto dei Lavoratori del 1970, lo stesso che oggi il Renzie vuole liquidare e riscrivere di sana pianta considerandolo solo un residuo ideologico (come la Costituzione, del resto)…

Guarda la terra
la terra cara
com’è disegnata
com’è cresciuta
con gli odori
di casa tua
con gli odori
di casa tua.

Guarda dall’alto
la terra amata
com’è tutta azzurra
com’è dei padroni.
Ancora loro,
ma fino a quando?
Ancora loro,
ma fino a quando?

Guarda la terra
la terra cara
com’è tutta rossa
com’è tutta amara.
Ancora morti,
ma fino a quando?
Ancora morti,
ma fino a quando?

Qui la giornata
tremila lire.
Angelo Sigona
Giuseppe Scibila
chiedon l’aumento:
trecento lire.
Chiedon l’aumento:
trecento lire.

Gliel’hanno dato
a colpi di mitra
sulla statale
di ulivi e limoni
i cani del regime
i cani dei padroni,
i cani del regime
i cani dei padroni.

Però le trombe
le hanno suonate,
hanno rispettato
le norme di rito.
Ma i morti allora?
Niente. Un errore.
Ma i morti allora?
Niente. Un errore.

 

Accadde oggi – Anni 60 – 02/01/1968 L’Eccidio di Avola was last modified: gennaio 2nd, 2015 by glianni70.it

Post correlati

Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.